Chi sono
Il mio libro
Blog
Luna
Lucky
Siti e gestionali
Fotografie
Video
Mantova Calcio
Cantautori
Scrittori
Altro
Contattami

22

Fabrizio De Andr - Tutte le canzoni

Mgu Megn (Live 1991)
(Testo: Fabrizio De Andr e Ivano Fossati; Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
E mi, e mi, e mi
e an, e an
e a l'aia sciurt
e su, su
e ou cou, ou cou, ou cou
da rebell
fin a piggi, piggi
ou trn, ou trn.
E 'nta galleria
gent 'a l'intra au scu,
scirte amaruta,
lougu de 'n spesi,
e 'ntu stritu t'aguitan,
te dumndan chi t',
a sustnsa e ou mest
che pe' liatri ou viaggi ou nu l';
poi te tcca 'n purt lepegsu
e 'na stnsia lvega
e 'nte l'tra stnsia
bagsce a d ou men
e ti cu'na que che nu ti vou
a ti a bibbia 'nta migia,
serr a cive nche ou barcn
e arensente srvia ou cou.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
'Na carga da,
nsciu de 'n turt,
'na fain ch'a sa
e a ghe manca 'a sa,
ttti sssa rsca,
da ou xtta in z,
se ti gii 'a tsta
ti te vddi ou c,
e a st foa gh' ou repentin
ch'a te tcche 'na pascin
pe 'na faccia da madnna
ch'a te sposta ou ghirindn,
n am mai in esclusiva,
sempre cun quarcsa da pag,
na scignurin-a che sttu ca
a gh'a ou grbu da scigna.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... che belin de 'n nolu che ti me faisci fa;
uh... ch'a sn de piggi de l'aia se va a l'uspi.
E mi, e mi, e mi
nu an, nu an
st chi, st chi, st chi
durm, durm;
E mi, e mi, e mi
nu an, nu an
st chi, st chi, st chi,
asnme.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.

Traduzione dal genovese: "Medico Medicone"
E io, e io, e io
e andare, e andare
e uscire all'aria
e sudare, sudare
e il cuore, il cuore, il cuore
da trascinare
fino a prendere, a prendere
il treno, il treno.
E nella galleria
la gente entra al buio,
esce ammalata,
cesso d' un farmacista
e nello stretto ti guardano,
ti domandano chi sei,
il patrimonio e il mestiere
che per loro il viaggiare non lo ;
poi ti tocca un portiere viscido
e una stanza umida
e nell'altra stanza
le bagasce a dare il men
e tu con una voglia che non vuoi
a tirare la Bibbia nel muro,
chiudere a chiave anche la finestra
e ad acciambellarti sopra il cuore.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Una sedia dura,
scemo di un tortaio,
una farinata che suda
e le manca il sale,
tutti succhiatori di lische,
dal pappone in gi,
se giri la testa
ti vedi il culo,
e a star fuori c' il rischio
che ti tocchi una passione
per una faccia da Madonna
che ti sposta il com,
un amore mai in esclusiva,
sempre con qualcosa da pagare,
una signorina che sotto la coda
ha il buco da signora.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... che cazzo di contratto mi faresti fare;
uh... che a forza di prendere aria si va all'ospedale.
E io, e io, e io
non andare, non andare
stare qui, stare qui, stare qui
dormire, dormire;
e io, e io, e io
non andare, non andare
stare qui, stare qui, stare qui,
sognare.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.

TORNA ALL'INIZIO DELLA PAGINA