Chi sono
Il mio libro
Blog
Luna
Lucky
Siti e gestionali
Fotografie
Video
Mantova Calcio
Cantautori
Scrittori
Altro
Contattami

20

Cristiano De André - Tutte le canzoni

Notti Di Genova (Un Giorno Nuovo)
(Testo e Musica: Oliviero Malaspina, Cristiano De André, G. Vanni)
La strada è piena di chiari di luna
le tue mani vele per il mare,
in questa notte che ne vale la pena,
l'ansimare delle ciminiere.
Genova era una ragazza bruna,
collezionista di stupore e noia,
Genova apriva le sue labbra scure
al soffio caldo della "maccaia" (*).
E adesso se ti penso io muoio un po',
se penso a te che non ti arrendi:
ragazza silenziosa dagli occhi duri,
amica che mi perdi,
adesso abbiamo fatto tardi,
adesso forse è troppo tardi.
Voci di un cielo freddo già lontano,
le vele sanno di un addio taciuto;
con una mano ti spiego la strada,
con l'altra poi ti chiedo aiuto.
Genova, adesso hai chiuso in un bicchiere
le voci stanche, le voci straniere;
Genova hai chiuso fra le gelosie
le tue ultime fantasie.
E adesso se ti penso io muoio un po',
se penso a te un po' mi arrendo;
alle voci disfatte dei quartieri indolenti,
alle ragazze dai lunghi fianchi,
e a te che un po' mi manchi.
Perché è la vita intera che grida dentro
o forse il fumo di Caricamento (**);
c'erano bocche per bere tutto,
per poi sputare tutto al cielo,
erano notti alla deriva,
notti di Genova che non ricordo e non ci credo.
Genova rossa, rosa ventilata,
di gerani ti facevi strada;
Genova di arenaria e pietra,
anima naufragata.
Ti vedrò affondare in un mare nero,
proprio dove va a finire l'occidente;
ti vedrò rinascere incolore
ma chiederai ancora amore,
senza sapere quello che dai.
Perché è la vita intera che grida dentro,
o forse il fumo di Caricamento (**);
c'erano bocche per bere tutto,
per poi sputare tutto al cielo,
erano notti alla deriva,
notti di Genova che regala
donne di madreperla
con la ruggine sulla voce
e ognuna porta in spalla la sua croce.
Tra le stelle a cielo aperto,
mentre dentro ci passa il tempo,
proprio adesso che ti respiro,
adesso che mi sorprendi così.
Che se ti penso muoio un po',
che se ti penso muoio un po',
che se ti penso muoio un po'.
(*) - "Maccaia": afa umida, in genovese.
(**) - "Caricamento": zona di Genova.

TORNA AD INIZIO PAGINA