Chi sono
Il mio libro
Blog
Luna
Lucky
Siti e gestionali
Fotografie
Video
Mantova Calcio
Cantautori
Scrittori
Altro
Contattami

20

Fabrizio De Andr - Album
1990: Le Nuvole

 

Le Nuvole
Ottocento
Don Raffae'
La Domenica Delle Salme
Mgu Megn
La Nova Gelosia
'A imma
Monti Di Mola

"...Io sono un principe libero
e ho altrettanta autorit di fare guerra
al mondo intero quanto colui
che ha cento navi in mare."
(Samuel Bellamy, pirata delle Antille nel XVIII Secolo)

Le Nuvole
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Vanno,
vengono,
ogni tanto si fermano
e quando si fermano
sono nere come il corvo:
sembra che ti guardano con malocchio.
Certe volte sono bianche,
e corrono,
e prendono la forma dell'airone
o della pecora
o di qualche altra bestia.
Ma questo lo vedono meglio i bambini
che giocano a corrergli dietro per tanti metri.
Certe volte ti avvisano con rumore
prima di arrivare,
e la terra si trema,
e gli animali si stanno zitti;
certe volte ti avvisano con rumore.
Vengono,
vanno,
ritornano
e magari si fermano tanti giorni
che non vedi pi il sole e le stelle
e ti sembra di non conoscere pi
il posto dove stai.
Vanno,
vengono,
per una vera
mille sono finte,
e si mettono l, tra noi e il cielo,
per lasciarci soltanto una voglia di pioggia.

TORNA AD INIZIO PAGINA

Ottocento
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani; Melodia finale: "Barcarole" di Peter Ilyich Tchaikovsky)
Cantami di questo tempo
l'astio e il malcontento
di chi sottovento
e non vuol sentir l'odore
di questo motor
che ci porta avanti
quasi tutti quanti,
maschi, femmine e cantanti,
su un tappeto di contanti,
nel cielo blu.
Figlia, della famiglia
sei la meraviglia,
gi matura e ancora pura
come la verdura di pap;
figlio, bello e audace,
bronzo di Versace,
figlio sempre pi capace
di giocare in borsa,
di stuprare in corsa e tu,
moglie dalle larghe maglie,
dalle molte voglie,
esperta di anticaglie:
scatole d'argento ti regaler.
Ottocento,
novecento
millecinquecento scatole d'argento
fine Settecento ti regaler.
Quanti pezzi di ricambio,
quante meraviglie,
quanti articoli di scambio,
quante belle figlie da sposar,
e quante belle valvole e pistoni,
fegati e polmoni,
quante belle biglie a rotolar
e quante belle triglie nel mar.
Figlio, figlio,
povero figlio,
eri bello bianco e vermiglio:
quale intruglio ti ha perduto nel Naviglio?
Figlio, figlio,
unico sbaglio:
annegato come un coniglio,
per ferirmi, pugnalarmi nell'orgoglio;
a me, a me,
che ti trattavo come un figlio,
povero me,
domani andr meglio.
Eine kleine Pinzimonie,
wnder Matrimonie,
Krauten und Erbeeren,
und Patellen und Arsellen
fischen Zanzibar;
und einige Krapfen
frher vor schlafen
und erwachen mit dem Walzer,
und die Alka-Seltzer fr
dimenticar. (*)
Quanti pezzi di ricambio,
quante meraviglie,
quanti articoli di scambio,
quante belle figlie da giocar,
e quante belle valvole e pistoni,
fegati e polmoni,
quante belle biglie a rotolar
e quante belle triglie nel mar.
"Eine kleine Pinzimonie...": Un piccolo pinzimonio, splendido matrimonio, cavoli e fragole, e patelle ed arselle pescate a Zanzibar; e qualche krapfen prima di dormire ed un risveglio con il valzer, e un Alka-Seltzer per dimenticar. (Traduzione dal tedesco maccheronico).

TORNA AD INIZIO PAGINA

Don Raffae'
(Testo: Fabrizio De Andr e Massimo Bubola; Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Io mi chiamo Pasquale Cafiero
e son bbrigadiero del carcere, ohin,
io mi chiamo Cafiero Pasquale
e sto a Poggio Reale dal cinquantatr;
e al centesimo catenaccio
alla sera mi sento uno straccio,
per fortuna ch'al braccio speciale
c' un uomo geniale che parla co' me.
Tutto il giorno con quattro infamoni,
briganti, papponi, cornuti e lacch,
tutte l'ore co' 'sta fetenza
che sputa, minaccia e sa 'a piglia co' me,
ma alla fine m'assetto papale,
mi sbottono e mi leggo 'o giornale,
mi consiglio con Don Raffae',
mi spiega che penso e bevimm'o' caf.
Ah, che bell'o' caf,
pure in carcere 'o sanno fa',
co' 'a ricetta ch'a Ciccirinella,
compagno di cella,
ci ha dato mamm.
Prima pagina: venti notizie,
ventun ingiustizie e lo Stato che fa?
Si costerna, s'indigna, s'impegna,
poi getta la spugna con gran dignit;
mi scervello e m'asciugo la fronte,
per fortuna c' chi mi risponde,
a quell'uomo sceltissimo e immenso
io chiedo consenso a Don Raffae'.
Un galantuomo che tiene sei figli,
ha chiesto una casa e ci danno consigli,
mentre 'o assessore, che Dio lo perdoni,
'ndrento a 'e roullotte ci alleva i visoni;
voi vi basta una mossa, una voce,
ch'a 'sto Cristo ci lvan 'a croce,
con rispetto s' fatto le tre:
volte 'a spremuta o volte 'o caf?
Ah, che bell'o' caf,
pure in carcere 'o sanno fa',
co' 'a ricetta ch'a Ciccirinella,
compagno di cella,
ci ha dato mamm.
Ah, che bell'o' caf,
pure in carcere 'o sanno fa',
co' 'a ricetta di Ciccirinella,
compagno di cella,
precisa a mamm.
'Cc ci sta l'inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l'ha chi ce l'ha,
io non tengo compendio che chillo stipendio
e un ambo se sogno 'a pap:
aggiungete mia figlia Innocenza,
vuo' marito e non tiene pazienza,
non vi chiedo la grazia pe' mme,
vi faccio la barba o la fate da s?
Voi tenete un cappotto cammello
ch'al maxi-processo eravate 'o cchi bbello,
un vestito gessato marrone,
cos cc' sembrato alla televisione:
pe' 'ste nozze, vi prego Eccellenza,
m'ii prestasse pe' fare presenza,
io gi tengo le scarpe e 'o gill,
gradite 'o Campari o volte 'o caf?
Ah, che bell'o' caf,
pure in carcere 'o sanno fa',
co' 'a ricetta ch'a Ciccirinella,
compagno di cella,
ci ha dato mamm.
Ah, che bell'o' caf,
pure in carcere 'o sanno fa',
co' 'a ricetta di Ciccirinella,
compagno di cella,
precisa a mamm.
Qui non c' pi decoro, le carceri d'oro
ma chi l'ha mai viste chiss:
chiste so' fatiscenti e pe' chisto i fetienti
se tengono l'immunit;
Don Raffa, voi politicamente,
io ve lo giuro sarebbe 'nu santo,
ma 'ca ddnto voi state a pag
e fori chiss'atre se stanno a spass.
A proposito tengo 'nu frate
che da quindici anni sta disoccupato
e s' fatto cinquanta concorsi,
novanta domande e duecento ricorsi;
voi che date conforto e lavoro,
Eminenza vi bacio e v'imploro:
chille duorme co' mamma e co' me,
che crema d'Arabia ch' chisto caf!

TORNA AD INIZIO PAGINA

La Domenica Delle Salme
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Tent la fuga in tram
verso le sei del mattino
dalla bottiglia d'orzata
dove galleggia Milano;
non fu difficile seguirlo,
il poeta della Baggna (*):
la sua anima accesa
mandava luce di lampadina;
gli incendiarono il letto
sulla strada di Trento,
riusc a salvarsi dalla sua barba
un pettirosso da combattimento.
I Polacchi non morirono subito
e inginocchiati agli ultimi semafori
rifacevano il trucco alle troie di regime,
lanciate verso il mare;
i trafficanti di saponette
mettevano pancia verso est:
chi si convertiva nel Novanta
ne era dispensato nel Novantuno;
la scimmia del Quarto Reich
ballava la polka sopra il muro
e mentre si arrampicava
le abbiamo visto tutti il culo;
la Piramide di Cheope
volle essere ricostruita in quel giorno di festa,
masso per masso,
schiavo per schiavo,
comunista per comunista.
La Domenica delle Salme
non si udirono fucilate,
il gas esilarante
presidiava le strade;
la Domenica delle Salme
si port via tutti i pensieri
e le regine del ''tua culpa''
affollarono i parrucchieri.
Nell'assolata galera patria
il secondo secondino
disse a 'Baffi di Sego' (**), che era il primo:
"si pu fare domani sul far del mattino"
e furono inviati messi,
fanti, cavalli, cani ed un somaro
ad annunciare l'amputazione della gamba
di Renato Curcio,
il carbonaro.
Il ministro dei temporali
in un tripudio di tromboni
auspicava democrazia
con la tovaglia sulle mani e le mani sui coglioni:
"voglio vivere in una citt
dove all'ora dell'aperitivo
non ci siano spargimenti di sangue
o di detersivo".
A tarda sera io e il mio illustre cugino De Andrade
eravamo gli ultimi cittadini liberi
in questa famosa citt civile,
perch avevamo un cannone nel cortile,
un cannone nel cortile...
La Domenica delle Salme
nessuno si fece male,
tutti a seguire il feretro
del defunto ideale;
la Domenica delle Salme
si sentiva cantare
"quant' bella giovinezza,
non vogliamo pi invecchiare".
Gli ultimi viandanti
si ritirarono nelle catacombe,
accesero la televisione e ci guardarono cantare
per una mezz'oretta,
poi ci mandarono a cagare:
"voi che avete cantato sui trampoli e in ginocchio,
coi pianoforti a tracolla, vestiti da Pinocchio,
voi che avete cantato per i longobardi e per i centralisti,
per l'Amazzonia e per la pecunia,
nei palastilisti,
e dai padri Maristi;
voi avevate voci potenti,
lingue allenate a battere il tamburo,
voi avevate voci potenti:
adatte per il vaffanculo".
La Domenica delle Salme
gli addetti alla nostalgia
accompagnarono tra i flauti
il cadavere di Utopia;
la Domenica delle Salme
fu una domenica come tante,
il giorno dopo c'erano i segni
di una pace terrificante.
Mentre il cuore d'Italia,
da Palermo ad Aosta,
si gonfiava in un coro
di vibrante protesta.
(*) - "Baggna": cos viene anche chiamata la Casa di Riposo per anziani ''Pio Albergo Trivulzio" di Milano.
(**) - "Baffi di Sego": gendarme austriaco di una satira di Giuseppe Giusti.

TORNA AD INIZIO PAGINA

Mgu Megn
(Testo: Fabrizio De Andr e Ivano Fossati;
Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)

E mi, e mi, e mi
e an, e an
e a l'aia sciurt
e su, su
e ou cou, ou cou, ou cou
da rebell
fin a piggi, piggi
ou trn, ou trn.
E 'nta galleria
gent 'a l'intra au scu,
scirte amaruta,
lougu de 'n spesi,
e 'ntu stritu t'aguitan,
te dumndan chi t',
a sustnsa e ou mest
che pe' liatri ou viaggi ou nu l';
poi te tcca 'n purt lepegsu
e 'na stnsia lvega
e 'nte l'tra stnsia
bagsce a d ou men
e ti cu'na que che nu ti vou
a ti a bibbia 'nta migia,
serr a cive nche ou barcn
e arensente srvia ou cou.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
'Na carga da,
nsciu de 'n turt,
'na fain ch'a sa
e a ghe manca 'a sa,
ttti sssa rsca,
da ou xtta in z,
se ti gii 'a tsta
ti te vddi ou c,
e a st foa gh' ou repentin
ch'a te tcche 'na pascin
pe 'na faccia da madnna
ch'a te sposta ou ghirindn,
n am mai in esclusiva,
sempre cun quarcsa da pag,
na scignurin-a che sttu ca
a gh'a ou grbu da scigna.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... che belin de 'n nolu che ti me faisci fa;
uh... ch'a sn de piggi de l'aia se va a l'uspi.
E mi, e mi, e mi
nu an, nu an
st chi, st chi, st chi
durm, durm;
E mi, e mi, e mi
nu an, nu an
st chi, st chi, st chi,
asnme.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn;
uh... chin-a, chin-a z da ou caregn.
Uh... mgu, mgu, mgu, m megn...

Traduzione dal genovese: "Medico Medicone"
E io, e io, e io
e andare, e andare
e uscire all'aria
e sudare, sudare
e il cuore, il cuore, il cuore
da trascinare
fino a prendere, a prendere
il treno, il treno.
E nella galleria
la gente entra al buio,
esce ammalata,
cesso d' un farmacista
e nello stretto ti guardano,
ti domandano chi sei,
il patrimonio e il mestiere
che per loro il viaggiare non lo ;
poi ti tocca un portiere viscido
e una stanza umida
e nell'altra stanza
le bagasce a dare il men
e tu con una voglia che non vuoi
a tirare la Bibbia nel muro,
chiudere a chiave anche la finestra
e ad acciambellarti sopra il cuore.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Una sedia dura,
scemo di un tortaio,
una farinata che suda
e le manca il sale,
tutti succhiatori di lische,
dal pappone in gi,
se giri la testa
ti vedi il culo,
e a star fuori c' il rischio
che ti tocchi una passione
per una faccia da Madonna
che ti sposta il com,
un amore mai in esclusiva,
sempre con qualcosa da pagare,
una signorina che sotto la coda
ha il buco da signora.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... che cazzo di contratto mi faresti fare;
uh... che a forza di prendere aria si va all'ospedale.
E io, e io, e io
non andare, non andare
stare qui, stare qui, stare qui
dormire, dormire;
e io, e io, e io
non andare, non andare
stare qui, stare qui, stare qui,
sognare.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone;
uh... vieni, vieni gi dal seggiolone.
Uh... medico, medico, medico, mio medicone...

TORNA AD INIZIO PAGINA

La Nova Gelosia
(Canzone popolare di autore ignoto, cantata in precedenza anche da Roberto Murolo)
Fensta co' 'sta nova gelosia (*)
tutta lucente
de centrella (**) d'oro,
tu m'annasconne
Nennella bella mia:
lassamela ved
sinn moro.
Fensta co' 'sta nova gelosia
tutta lucente
de centrella d'oro...
Fensta co' 'sta nova gelosia
tutta lucente
de centrella d'oro,
tu m'annasconne
Nennella bella mia:
lassamela ved
sinn moro;
lassamela ved
sinn moro.
(*) - "Gelosia": serramento della finestra.
(**) - "Centrella": chiodini.

TORNA AD INIZIO PAGINA

'A imma
(Testo: Fabrizio De Andr e Ivano Fossati; Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Ti t'adescie 'nsce l'ndegu du matin,
ch' luxe a l' 'n p 'n tera e l'tru in m,
ti t'ammie a uo spgiu de 'n tianin,
ou s'amni a ou spegiu d ruz.
Ti mettie ou brgu rdennu 'nte 'n cantn,
che se d' cappa a sgggia 'n cuxin-a 'a stria,
a xea de cunt 'e pgge che ghe sn,
'a imma a l' za pinn-a, a l' za cxia.
C sern, tra sca,
carne tnia, nu fte nigra,
nu turn da.
Bell'ouegg, strapunta de tttu bun,
prima de battezla 'ntou prebuggiun,
cun dui aguggiun dritu 'n pnta de p
da srvia 'n z fitu ti 'a punzigg.
ia de ln-a vgia, de ciau, de ngia,
ch'ou cgu ou prde 'a tsta, l'se ou sent,
oud de m misciu de prsa lgia,
cos'tru fa, cos'tru dghe a ou c?
C sern, tra sca,
carne tnia, nu fte nigra,
nu turn da;
e 'nt'ou nme de Maria
ttti i dii da sta pgnatta
anne via.
Poi vegnan a pigitela i cm,
te lascian tttu ou fmmu d'ou tou mest,
tucca a ou fantin prima coutel:
mang, mang, nu si chi ve mangi.
C sern, tra sca,
carne tnia, nu fte nigra,
nu turn da;
e 'nt'ou nme de Maria
ttti i dii da sta pgnatta
anne via.

Traduzione dal genovese: "La Cima"
Ti sveglierai sull'indaco del mattino,
quando la luce ha un piede in terra e l' altro in mare,
ti guarderai allo specchio di un tegamino,
il cielo si guarder allo specchio della rugiada.
Metterai la scopa dritta in un angolo,
ch se dalla cappa scivola in cucina la strega
a forza di contare le paglie che ci sono,
la cima gi piena, gi cucita.
Cielo sereno, terra scura,
carne tenera, non diventare nera,
non ritornare dura.
Bel guanciale, materasso di ogni ben di Dio,
prima di battezzarla nelle erbe aromatiche,
con due grossi aghi dritti in punta di piedi
da sopra a sotto svelto la pungerai.
Aria di luna vecchia, di chiarore, di nebbia,
che il chierico perde la testa e l'asino il sentiero,
odore di mare mescolato a maggiorana leggera,
cos'altro fare, cos'altro dare al cielo?
Cielo sereno, terra scura,
carne tenera, non diventare nera,
non ritornare dura;
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via.
Poi vengono a prendertela i camerieri,
ti lasciano tutto il fumo del tuo mestiere,
tocca allo scapolo la prima coltellata:
mangiate, mangiate, non sapete chi vi manger.
Cielo sereno, terra scura,
carne tenera, non diventare nera,
non ritornare dura;
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via.

TORNA AD INIZIO PAGINA

Monti Di Mola
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
In li Monti di Mola (*)
la manzana
un'aina musteddina
era pascendi;
in li Monti di Mola
la manzana
un cioano vantarricciu e moru
era sfraschendi,
e l'occhi s'intuppesini cilchendi ea ea ea ea,
e l'ea sguttesi da li muccichili c li bae ae ae.
E l'occhi la burricca aa
di lu mare,
e a iddu da le tive escia
lu Maestrale,
e idda si tunchi abbeddulata ea ea ea ea,
iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae.
"O bedda mea,
l'ina luna,
la bedda mea,
capitale di lana,
o bedda mea,
bianca foltuna".
"O beddu meu,
l'occhi mi bruxi,
lu beddu meu,
carrasciale di baxi,
o beddu meu
lu core mi cuxi".
Amori mannu
di prima 'olta,
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa;
amori steddu
di tutte l'ore,
di petralana lu battadolu di chistu core.
Ma nudda si po' fa, nudda,
in Gaddura
che no lu nini a sap
int'un'ora,
e 'nfattu una 'ecchia infrasconata fea ea ea ea,
piagnendi e figgiulendi, si dicia c li bae ae ae:
"Beata idda,
uai che bedd'omu,
beata idda,
cioanu e moru,
beata idda,
sola mi moru.
Beata idda,
i me l'ammentu,
beata idda,
pi d'una 'olta,
beata idda,
'ezzaia tolta".
Amori mannu
di prima 'olta,
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa;
amori steddu
di tutte l'ore,
di petralana lu battadolu di chistu core.
E lu paese intreu s'agghindesi
pa' lu coiu,
lu parracu mattessi intresi
in lu soiu;
ma a cuiuassi no riscisini,
l'aina e l'omu,
ch da li documenti escisini
fratili in primu.
E idda si tunchi abbeddulata ea ea ea ea,
iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae.
(*) - "Monti di Mola": cos era anticamente chiamata l'attuale Costa Smeralda.
Traduzione dal sardo: "Monti Di Mola"
Sui Monti di Mola
la mattina presto
un'asina dal mantello chiaro
stava pascolando;
sui Monti di Mola
la mattina presto
un giovane bruno e aitante
stava tagliando rami,
e gli occhi si incontrarono mentre cercavano acqua,
e l'acqua sgocciol dai musi insieme alla bava.
E l'asina aveva gli occhi
color del mare,
e a lui dalle narici usciva
il Maestrale,
e lei ragliava incantata ea ea ea ea,
lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae.
"O bella mia,
l'asina luna,
la bella mia,
cuscino di lana,
o bella mia,
bianca fortuna".
"O bello mio,
mi bruci gli occhi,
il mio bello,
carnevale di baci,
o bello mio,
mi cuci il cuore".
Amore grande
di prima volta,
l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto;
amore bambino
di tutte le ore,
di muschio il battacchio di questo cuore.
Ma nulla si pu fare, nulla,
in Gallura
che non lo vengono a sapere
in un'ora,
e sul posto una brutta vecchia nascosta tra le frasche,
piangendo e guardando, diceva fra s con la bava alla bocca:
"Beata lei,
mamma mia che bell'uomo,
beata lei,
giovane e bruno,
beata lei,
io muoio sola.
Beata lei,
me lo ricordo bene,
beata lei,
pi d'una volta,
beata lei,
vecchiaia stolta".
Amore grande
di prima volta,
l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto;
amore bambino
di tutte le ore,
di muschio il battacchio di questo cuore.
Il paese intero si agghind
per il matrimonio,
lo stesso parroco entr
nel suo vestito;
ma non riuscirono a sposarsi,
l'asina e l'uomo,
perch ai documenti risultarono
cugini primi.
E lei ragliava incantata ea ea ea ea,
lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae.

TORNA AD INIZIO PAGINA