Chi sono
Il mio libro
Blog
Luna
Lucky
Siti e gestionali
Fotografie
Video
Mantova Calcio
Cantautori
Scrittori
Altro
Contattami

20

Fabrizio De Andr - Album
1984: Creuza De M

 

Creuza De M
Jamin-a
Sidn
Sinn Capudn Pasci
'A Pittima
'A Dumenega
D'A M Riva

Creuza De M
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Umbre de muri, muri de main:
dunde ne vegn, duve l' ch'an?
De 'n scitu duve a l'n-a a se mustra na
e a neutte a n' puntou u cutellu gua,
e a munt l'seo gh' restou Diu:
u Diu l' in e u s' gh' faetu u nu;
ne sciurtmmu da u m pe sciug e osse da u Dria
a a funtan-a di cumbi 'nta c de pria.
E 'nt'a c de pria chi ghe sai,
int' c du Dria che u nu l' main?
Gente de Lgan, facce de mandill,
quei che du luassu preferiscian l',
figge de famiggia, ud de bun,
che ti peu ammile sensa u gundun.
E a 'ste panse veue cose che dai,
cose da beive, cose da mangi?
Fritta de pigneu, giancu de Purtufin,
ervelle de bae 'nt'u meximu vin,
lasagne da fiddi ai quattru tucchi,
pacigu in aegruduse de lvre de cuppi (*).
E 'nsc'i barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi,
emigranti du re cu'i cioi 'nt'i euggi,
finch u matin cresci da puilu rechugge,
fr di ganeuffeni e de figge,
bacan d'a corda marsa d'aegua e de s
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza (**) de m.
(*) - "Lvre de cuppi": Gatto.
(**) - "Creuza": Qui impropriamente tradotto "mulattiera". In realt la Creuza nel genovesato una strada suburbana che scorre fra due muri che solitamente determinano i confini di propriet.

Traduzione dal genovese: "Mulattiera Di Mare"
Ombre di facce, facce di marinai:
da dove venite, dov' che andate?
Da un posto dove la luna si mostra nuda
e la notte ci ha puntato il coltello alla gola,
e a montare l'asino c' rimasto Dio:
il Diavolo in cielo e ci si fatto il nido;
usciamo dal mare per asciugare le ossa dell'Andrea
alla fontana dei colombi nella casa di pietra.
E nella casa di pietra chi ci sar,
nella casa dell'Andrea che non marinaio?
Gente di Lugano, facce da tagliaborse,
quelli che della spigola preferiscono l'ala,
ragazze di famiglia, odore di buono,
che puoi guardarle senza preservativo.
E a queste pance vuote cosa gli dar,
cosa da bere, cosa da mangiare?
Frittura di pesciolini, bianco di Portofino,
cervelle di agnello nello stesso vino,
lasagne da tagliare ai quattro sughi,
pasticcio in agrodolce di lepre di tegole.
E nella barca del vino ci navigheremo sugli scogli,
emigranti della risata con i chiodi negli occhi,
finch il mattino crescer da poterlo raccogliere,
fratello dei garofani e delle ragazze,
padrone della corda marcia d'acqua e di sale
che ci lega e ci porta in una mulattiera di mare.

TORNA AD INIZIO PAGINA

Jamin-a
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Lengua 'nfeuga, Jamin-a,
lua de pelle sca,
cu'a bucca spalanc,
morsciu de carne da,
stella neigra ch'a lxe,
me veuggiu demu
'nte l'midu due
de l'am d teu arve.
Ma seu, Jamin-a,
ti me perduni
se nu risci a sse porcu
cumme i teu pens;
destacchete, Jamin-a,
lerfe de ga spin-a,
fatt'ammi, Jamin-a,
roggiu de mussa pin-a
e u muru 'ntu s
sgu de s de cheusce
duve gh' pei gh' am sultan-a de e bagascie,
dagghe ciann, Jamin-a,
nu naveg de spunda,
primma ch' cu' ch' munta e a chin-a
nu me se desfe 'nte l'unda,
e l'rtimu respiu, Jamin-a,
regin-a mua de e sambe,
me u tegnu pe sciurt vivu
da u gruppu de e teu gambe.
E l'rtimu respiu, Jamin-a,
regin-a mua de e sambe,
me u tegnu pe sciurt vivu
da u gruppu de e teu gambe.
E l'rtimu respiu, Jamin-a,
regin-a mua de e sambe,
me u tegnu pe sciurt vivu
da u gruppu de e teu gambe.

Traduzione dal genovese: "Jamina"
Lingua infuocata, Jamina,
lupa di pelle scura,
con la bocca spalancata,
morso di carne soda,
stella nera che brilla,
mi voglio divertire
nell'umido dolce
del miele del tuo alveare.
Sorella mia, Jamina,
mi perdonerai
se non riuscir a essere porco
come i tuoi pensieri;
staccati, Jamina,
labbra di uva spina,
fatti guardare, Jamina,
getto di fica sazia,
e la faccia nel sudore,
sugo di sale di cosce,
dove c' pelo c' amore,
sultana delle troie,
dacci piano, Jamina,
non navigare di sponda,
prima che la voglia che sale e scende
non mi si disfi nell'onda
e l'ultimo respiro, Jamina,
regina madre delle sambe,
me lo tengo per uscire vivo
dal nodo delle tue gambe.
E l'ultimo respiro, Jamina,
regina madre delle sambe,
me lo tengo per uscire vivo
dal nodo delle tue gambe.
E l'ultimo respiro, Jamina,
regina madre delle sambe,
me lo tengo per uscire vivo
dal nodo delle tue gambe.

TORNA AD INIZIO PAGINA

Sidn
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
U m ninn, u m,
u m,
lerfe grasse au su
d'am, d'am,
tm due benignu
de teu mua,
spremmu 'nta maccaia
de sta, de sta;
e oua grmmu de sangue ouge
e denti de laete,
e i euggi di surdatti, chen arragg
cu'a sccimma a a bucca, cacciui de ba,
a scurr a gente cumme selvaggin-a
finch'u sangue sarvaegu nu gh' smurtau a qu,
e doppu u feru in gua, i feri d' prixn
e 'nte ferie a semensa velenusa d' depurtazin
perch de nostru da a ciana a u me
nu peua ci cresce ni rbu, ni spica, ni figge.
Ciao, m 'nin; l'eredta
l' ascusa
'nte sta itta
ch'a brxa, ch'a brxa
inta seia che chin-a
e in stu gran ciaeu de feugu
pe a teu morte piccin-a.

Traduzione dal genovese: "Sidone"
Il mio bambino, il mio,
il mio,
labbra grasse al sole
di miele, di miele,
tumore dolce benigno
di tua madre,
spremuto nell'afa umida
dell'estate, dell'estate;
e ora grumo di sangue orecchie
e denti da latte,
e gli occhi dei soldati, cani arrabbiati
con la schiuma alla bocca, cacciatori di agnelli,
a inseguire la gente come selvaggina
finch il sangue selvatico non ha spento loro la voglia,
e dopo il ferro in gola, i ferri della prigione
e nelle ferite il seme velenoso della deportazione
perch di nostro dalla pianura al mare
non possa pi crescere albero, n spiga, n figlio.
Ciao, bambino mio; l'eredit
nascosta
in questa citt
che brucia, che brucia
nella sera che scende
e in questa grande luce di fuoco
per la tua piccola morte.

TORNA AD INIZIO PAGINA

Sinn Capudn Pasci
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Teste fasci 'nsci gala,
sciabbre se zeugan a ln-a,
a m a l' rest duv'a l'a
pe nu remenalu furtn-a.
Intu mezu du m
gh' 'n pesciu tundu
che quandu u vedde 'brtte
u va' 'nsci fundu;
intu mezu du m
gh' 'n pesciu palla
che quandu u vedde belle
u vegne a galla. (*)
E au postu d'i anni ch'ean dexenueve
se sun piggia gambe e ma brasse nueve,
d'allua a cansn l' cant u tambu
e u lou s' gangiou in travaggiu du,
"vuga, t' da vug, prexun,
e spuncia, spuncia u remmu fin au p;
vuga, t' da vug, turtaiu (**),
e tia, tia u remmu fin a u cheu".
E questa a l' a me stia
e t` veuggiu cunt
'n po' primma ch' vegii
a me peste 'ntu murt,
e questa a l' a memia,
a memia du ig,
ma 'nsci libbri de stia
"Sinn Capudn Pasci".
E suttu u timun du gran cru,
c'u muru 'nte 'n broddu de fru,
'na neutte, ch'u freidu u te morde,
u te giscia, u te spa e u te remorde,
e u Bey assettu u pensa Mecca
e u vedde Ur 'nsce 'na secca,
ghe giu u timn a lebecciu,
sarvndughe a vitta e u sciabeccu.
Am, me bell'am,
a sfurtn-a a l' 'n grifun
ch'u gia 'ngiu testa du belinun;
Am, me bell'am,
a sfurtn-a a l' 'n belin
ch' xeua 'ngiu au c ci vixn.
E questa a l' a me stia
e t' veuggiu cunt
'n po' primma ch' a vega
a me peste 'ntu murt;
e questa a l' a memia,
a memia du ig,
ma 'nsci libbri de stia
"Sinn Capudn Pasci".
E digghe a chi me ciamma rnegu
che a ttte ricchesse, a l'argentu e l'u
Sinn gh'a lasciu de lux au s,
giastemmandu Mum au postu du Segn.
Intu mezu du m
gh' 'n pesciu tundu
che quandu u vedde brtte
u va 'nsci fundu;
intu mezu du m
gh' 'n pesciu palla
che quandu u vedde belle
u vegne a galla.
Nella seconda met del XV Secolo, in uno scontro alle isole Gerbe tra la flotta della Repubblica di Genova e quella turca, insieme ad altri prigionieri venne catturato un marinaio di nome Cicala che divenne in seguito Gran Visir e Serraschiere del Sultano, assumento il nome di "Sinn Capudn Pasci".
(*) - "Intu mezu du m... u vegne a galla": Ritornello popolare di alcune localit rivierasche tirreniche.
(**) - Turtaiu": Letteralmente "imbuto". Termine usato per indicare un individuo che mangia senza misura.

Traduzione dal genovese: "Sinn Capudn Pasci"
Teste fasciate sulla galea,
le sciabole si giocano la luna,
la mia rimasta dov'era
per non stuzzicare la fortuna.
In mezzo al mare
c' un pesce tondo
che quando vede le brutte
va sul fondo;
in mezzo al mare
c' un pesce palla
che quando vede le belle
viene a galla.
E al posto degli anni che erano diciannove
si sono presi le gambe e le mie braccia nuove,
da allora la canzone l'ha cantata il tamburo
e il lavoro diventato fatica,
"voga, devi vogare, prigioniero,
e spingi, spingi il remo fino al piede;
voga, devi vogare, "imbuto",
e tira, tira il remo fino al cuore".
E questa la mia storia
e te la voglio raccontare
un po' prima che la vecchiaia
mi pesti nel mortaio,
e questa la memoria,
la memoria del Cicala,
ma sui libri di storia
"Sinn Capudn Pasci".
E sotto il timone del gran carro,
con la faccia in un brodo di farro,
una notte che il freddo ti morde,
ti mastica, ti sputa e ti rimorde,
e il Bey seduto pensa alla Mecca
e vede le Ur su una secca,
gli giro il timone a libeccio,
salvandogli la vita e lo sciabecco.
Amore, mio bell'amore,
la sfortuna un avvoltoio
che gira intorno alla testa dell'imbecille;
Amore, mio bell'amore,
la sfortuna un cazzo
che vola intorno al sedere pi vicino.
E questa la mia storia
e te la voglio raccontare
un po' prima che la vecchiaia
mi pesti nel mortaio;
e questa la memoria,
la memoria di Cicala,
ma sui libri di storia
"Sinn Capudn Pasci".
E digli a chi mi chiama rinnegato
che a tutte le ricchezze, all'argento e all'oro
Sinn ha concesso di luccicare al sole,
bestemmiando Maometto al posto del Signore.
In mezzo al mare
c' un pesce tondo
che quando vede le brutte
va sul fondo;
in mezzo al mare
c' un pesce palla
che quando vede le belle
viene a galla.

TORNA AD INIZIO PAGINA

'A Pittima
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Cosa ghe possu, ghe possu f,
se nu gh' brasse pe f u main,
se infundo a e brasse nu gh' mn du massacn?
E mi gh' 'n pgnu du ch'u p 'n nu,
gh' 'na cascetta larga 'n du,
gistu pe ascndime c'u vestu der a 'n fiu,
e vaddu in gu a erca i din
a chi se i tegne e ghe l'n prest
e ghe i dumandu timidamente ma in mezu gente,
e a chi nu veu dse raxn,
che p de strn cuntru u trun,
ghe mandu a d che vive l' cu ma a bu-n mercu.
Mi sun 'na pittima (*) rispett,
e nu an 'ngu a cunt
che quandu a vttima l' 'n strass ghe d du m.
(*) - "Pittima": Alla pittima, ancora oggi sinonimo di persona insistente, noiosa e appiccicosa, si affidava il compito da parte di cittadini privati dell'antica Genova di esigere i crediti dei debitori insolventi.

Traduzione dal genovese: "La Pittima"
Cosa ci posso, ci posso fare
se non ho le braccia per fare il marinaio,
se in fondo alle braccia non ho le mani del muratore?
E ho un pugno duro che sembra un nido,
ho un torace largo un dito,
giusto per nascondermi con il vestito dietro a un filo,
e vado in giro a chiedere i soldi
a chi se li tiene e glieli hanno prestati
e glieli domando timidamente ma in mezzo alla gente,
e a chi non vuole darsi ragione,
che sembra di starnutire contro il tuono,
gli mando a dire che vivere caro ma a buon mercato.
Io sono una pittima rispettata,
e non andare in giro a raccontare
che quando la vittima uno straccione le do del mio.

TORNA AD INIZIO PAGINA

'A Dumenega
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
Quandu dumenega fan u gu,
cappellin neuvu, neuvu u vestiu,
cu 'a madama, a madama 'n testa,
o belin che festa, o belin che festa!
E ttti apreuvu pruccessin
d'a Teresin-a du Teresn,
ttti a mi figge du diu,
che belin de lou, che belin de lou!
E a stu luci de cheusce e de tettn
ghe fan u scitu anche i ci piccn:
"mama, mama, damme palanche,
veuggiu an a casn, veuggiu an a casn!".
E ci s'addentran inta citta
ci euggi e vuxi ghe dan der,
ghe dixan quellu che nu pean d
de zeggia, de sabbu e de lned.
A Ciamberlin sssa beln,
Fuxe cheusce da sciaccanuxe,
in Caignn musse de tersa man,
e in Puntexellu ghe mustran l'xellu. (*)
A Ciamberlin sssa beln,
Fuxe cheusce da sciaccanuxe,
in Caignn musse de tersa man,
e in Puntexellu ghe mustran l'xellu.
E u dirett du portu c'u ghe vedde l'ou
'nte quelle scciappe a reposu da u lou,
pe nu f vedde ch'u l' cuntentu
ch'u meu neuvu u gh' u finansiamentu,
u se cunfunde 'nta confsin
cun l'euggiu pin de indignasin,
e u ghe cra, u ghe cra der
"bagasce si e ghe rest".
E ti che ti ghe sbraggi apreuvu
"mancu ci u nasu gh'avei de neuvu",
bruttu galsciu de 'n purtu de Cristu,
nu t l'nicu ch'u se n' avvistu
che in mezu a quelle create
che se guagnan u pan da ne
a gh', a gh', a gh', a gh',
a gh' anche teu mugg.
A Ciamberlin sssa beln,
Fuxe cheusce de sciaccanuxe,
in Caignn musse de tersa man,
e in Puntexellu ghe mustran l'xellu.
A Ciamberlin sssa beln,
Fuxe cheusce de sciaccanuxe,
in Caignn musse de tersa man,
e in Puntexellu ghe mustran l'xellu.
Era costume della vecchia Genova che le prostitute fossero relegate in un quartiere della citt. Tra i diritti ad esse riconosciuti vi era quello della passeggiata domenicale. Il comune era solito dare in appalto le case di tolleranza con i cui ricavi pare riuscisse coprire quasi per intero gli annuali lavori portuali.
(*) - Ciamberlin, Fuxe, Caignn, Puntexellu: Piazze, vie e localit di Genova.

Traduzione dal genovese: "La Domenica"
Quando alla domenica fanno il giro,
cappellino nuovo, nuovo il vestito,
con la madama, la madama in testa,
cazzo che festa, cazzo che festa!
E tutti dietro alla processione
della Teresina del Teresone,
tutti a guardare le figlie del diavolo,
che cazzo di lavoro, che cazzo di lavoro!
E a questo dondolare di cosce e di tette
gli fanno il chiasso anche i pi piccoli:
"mamma, mamma, dammi i soldi,
voglio andare a casino, voglio andare a casino!".
E pi si addentrano nella citt
pi occhi e voci danno loro dietro,
dicono loro quello che non possono dire
di gioved, di sabato e di luned.
A Pianderlino succhia cazzi,
alla Foce cosce da schiaccianoci,
in Carignano fiche di terza mano
e a Ponticello gli mostrano l'uccello.
A Pianderlino succhia cazzi,
alla Foce cosce da schiaccianoci,
in Carignano fiche di terza mano,
e a Ponticello gli mostrano l'uccello.
E il direttore del porto che ci vede l'oro
in quelle chiappe a riposo dal lavoro,
per non fare vedere che contento
che il molo nuovo ha il finanziamento,
si confonde nella confusione
con l'occhio pieno di indignazione
e grida loro, grida loro dietro
"bagasce siete e ci restate!".
E tu che sbraiti loro appresso
"neanche pi il naso avete di nuovo",
brutto stronzo di un portatore di Cristo,
non sei l'unico che s' accorto
che in mezzo a quelle creature
che si guadagnano il pane da nude
c', c', c', c',
c' anche tua moglie.
A Pianderlino succhia cazzi,
alla Foce cosce da schiaccianoci,
in Carignano fiche di terza mano,
e a Ponticello gli mostrano l'uccello.
A Pianderlino succhia cazzi,
alla Foce cosce da schiaccianoci,
in Carignano fiche di terza mano,
e a Ponticello gli mostrano l'uccello.

TORNA AD INIZIO PAGINA

D'A M Riva
(Testo e Musica: Fabrizio De Andr e Mauro Pagani)
D'a m riva
sulu u teu mandillu ciau,
d'a m riva.
'Nta m vitta
u teu fatturisu amu,
'nta m vitta.
Ti me perduni u magn,
ma te pensu cuntru su
e u so ben t'ammi u m
'n p ci au largu du dul.
E sun chi affacciu
a 'stu bule da main,
e sun chi a mi
tri camixe de vellu,
du cuverte, u mandurln
e 'n cm de legnu du.
E 'nte 'na beretta neigra
a teu fotu da fantinn-a
pe pui bax anc Zena
'nsci teu bucca in naftalin-a.

Traduzione dal genovese: "Dalla Mia Riva"
Dalla mia riva
solo il tuo fazzoletto chiaro,
dalla mia riva.
Nella mia vita
il tuo sorriso amaro,
nella mia vita.
Mi perdonerai il magone,
ma ti penso contro sole
e so bene che stai guardando il mare
un po' pi al largo del dolore.
E son qui affacciato
a questo baule da marinaio,
e son qui a guardare
tre camicie di velluto,
due coperte e il mandolino
e un calamaio di legno duro.
E in una berretta nera
la tua foto da ragazza
per poter baciare ancora Genova
sulla tua bocca in naftalina.

TORNA AD INIZIO PAGINA